Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 agosto 2009 2 04 /08 /agosto /2009 20:59

GUSTAVE-HENRI JOSSOT

 

Dopo aver proposto alcuni numeri di L'Assiette au Beurre,  interamente illustrati da Jossot, riteniamo opportuno pubblicare un saggio che tratti in modo adeguato il grande caricaturista libertario francese.

Lo facciamo traducendo la presentazione alla figura di Jossot che ne fa nel suo importantissimo sito Goutte a Goutte, Henri Viltard, il suo massimo conoscitore mondiale, che ha dedicato a Jossot la sua tesi di laurea nel 2005 e che ha intenzione di pubblicare una monografia entro il 2010, la qual cosa saremo lietissimi di comunicare ai nostri pochi lettori non appena il nostro amico Viltard ce ne darà comunicazione, e magari tradurne delle ampie parti.

Le parentesi quadrate inviano ai rimandi fungenti da esempi a quanto illustrato nel testo in fondo al saggio.


 

Gustave Henri Jossot 1864-1951

 

 

Autocaricatura di Jossot


 

Biografia

 

I disegni di Jossot sono ancora ampiamente utilizzati, ma il loro autore è quasi dimenticato dal grande pubblico. Per commemorare il centenario della separazione della Chiesa dallo Stato, Le monde ha per esempio preso in prestito un disegno [A] a “Dressage!” (La Doma), un numero di L’Assiette au Beurre dedicato all’educazione (1). Questo giornale satirico ha fatto anch’esso la gioia di numerosi giornali di sinistra e di estrema sinistra che hanno trovato in Jossot un grande dissacratore di poliziotti, militari e preti [B]. Anche se l’originalità del suo tratto e la virulenza del suo umorismo sono sempre apprezzati ed utilizzati, non si sa più veramente che era l’autore di questi disegni.

  

Jossot è nato il 16 aprile 1866 in una famiglia borghese e ha venti anni quando pubblica i suoi primi disegni sulla stampa di Digione. Il loro stile ed il loro umorismo corrispondono allora del tutto al gusto dell'epoca [C]. Autodidatta, si forma a Parigi in laboratori liberi e si appassiona per la Bretagna [D] A furia di parodiare la preziosità dei maestri simbolisti, crea nel 1894 un curioso grafismo coniugante la deformazione caricaturale alle torsioni decorative[E]. Il suo tratto si ispessisce e le sue didascalie diventano lapidarie ed incisive, sicché a partire dal 1897 il disegnatore utilizza uno stile particolarmente stabile, in cui un tratto nel contempo spesso e nervoso sembra voler soffocare la vivacità di colori piatti. Questa estetica deve molto alla pittura ed ai disegni dei Nabis, ai principali rappresentanti dell’Art Nouveau, ma anche alle miniature ed agli affreschi medievali, alle stampe giapponesi o a certi caricaturisti come Caran d’Ache, Morriss o Louis Döes. Con tre album, Artistes et bourgeois, (Artisti e borghesi, 1894), Mince de trognes (Brutti grugni, 1896), Femelles! (Femmine!, 1901) e la sua assidua collaborazione a L’Assiette au Beurre, Jossot si impone come uno dei caricaturisti più noti del suo tempo. I suoi manifesti caricaturali immensi, specialmente per le sardine Saupiquet hanno avuto una risonanza durevole.

  

Come molti artisti della sua generazione, Jossot trova nella rivolta anti borghese aperta verso l’anarchismo, il fermento di una estetica di avanguardia. Egli precisa in un articolo che un ambiente familiare oppressivo è stato il terreno della sua vocazione. Sua madre essendo deceduta quando egli non aveva che tre anni, ha dovuto subire il giogo di una matrigna e di un padre assicuratore che lo destinavano alla marina militare. All’età di 19 anni, effettua il suo servizio come ufficiale di riserva, presso Nevers, quando Marie-Jeanne Duriaud, una domestica impiegata dai suoi genitori dà alla luce Irma. Resistendo alle pressioni familiari la sposerà subito dopo la morte di suo padre nel 1898. La pratica quasi esclusiva della caricatura finisce per oscurare totalmente la sua percezione della realtà, di modo che la sua rivolta si trasforma poco a poco in misantropia e in depressione. Quest’ultima si accentua nel 1896 con l’improvviso decesso di sua figlia, morta per meningite. 

  

È a seguito di questo avvenimento tragico che egli effettua il suo primo viaggio in Tunisia. Proseguendo la sua carriera di cartellonista e di caricaturista, disapprova tuttavia quest’arte “che non è altro che una piaga dell’Odio (2) e si dedica allora alla pittura. Soggiorna a Gafsa Gabès, Tunisi e Hammamet durante il suo secondo viaggio (tra novembre 1904 ed aprile 1905) al ritorno del quale redige ed illustra un romanzo Viande Borgeois  (Carne di borgese), in cui il colmo letterario si accoppia alla caricatura. Jossot vi esprime il suo profondo turbamento:

 

“Oh! I brutti musi, i nasi ignobili, i musi abominevoli! Dappertutto vedo scintillare gli occhi cisposi o brillare gli sguardi feroci, dappertutto sento lo sbattere delle mascelle bestiali, dappertutto mi appaiono grugni piangenti, bronci che sbavano, i piangenti che tirano su con il naso e ceffi che fanno smorfie. Dove fuggire, dove sotterrarmi per non vedere più queste orribili deformazioni, queste mostruose brutture? Gli gnomi di Goya, i diavoli di Callot, le larve di Odilon Redon mi sembrano ora al di sopra della realtà. Dove fuggire? Da nessuna parte, perché dappertutto incontro delle bestie umane, perché dappertutto esse pullulano, crescono e si moltiplicano. È terribile questo perpetuo incubo popolato da spaventosi musi, da allucinanti grugni (3)”.

 

Il suo scenario molto fantasioso porta un gruppo di anarchici alla ricerca di una bomba sbadatamente smarrita sul suolo tunisino: occasione per beffarsi degli anarchici, di denunciare le malefatte della colonizzazione e di descrivere un Oriente di sogno.

Dopo una vasta retrospettiva organizzata nel 1908 dal “Club Slavia” in Austria, Boemia e Moravia, in cui la sua arte fa scandalo, Jossot torna a trascorrere l’inverno a Gafsa. Espone le sue opere orientali al Salon d’Automne del 1909 e trascorre l’inverno in Algeria a Bou-Saada. Di ritorno nell’aprile del 1910, espone cinque quadri agli Indépendants. Nel novembre del 1910, ha deciso di stabilirsi in Tunisia. I quadri che egli espone al Salon des Indépendant e al Salon des Humoriste del 1911 sembrano voler adattare la caricatura ad un genere nobile, secondo le idee che ha difeso nei suoi primi articoli. In settembre, l’artista vende tutti i suoi mobili ed abbandona definitivamente la Francia. Il Salon Tunisien gli riserva una sala intera nel 1912: si accostano insieme delle caricature e dei paesaggi tunisini e bretoni.

  

L’opera orientale di Jossot è ancora mal conosciuta perché è dispersa in collezioni private. Sembra malgrado ciò ben pallida nei confronti delle sue caricature e delle sue asserzioni teoriche vendicative. Soltanto i suoi acquarelli e le sue chine dalle larghe linee, sembrano veramente resuscitare un tratto oramai tranquillizzato. Benché abbia accuratamente disertato le mondanità suscettibili di procurargli un riconoscimento sociale, Jossot è diventato un pittore stimato ed apprezzato tra le due guerre. Oggi, i Tunisini si ricordano più del personaggio che della sua opera. L’artista ha in effetti colpito la società coloniale ed intrigato gli indigeni annunciando pubblicamente la sua conversione all’Islam (febbraio 1913). Senza essere raro, il fatto è ancora molto originale a quest’epoca, la sua messa in scena mediatica ne è in compenso inedita. Bisogna dire che l’artista ha innanzitutto preso cura di riallacciare con la sua religione d’origine, il cattolicesimo. Allo scopo di rinforzare l’impatto simbolico della sua abiura. La versione araba di La mia Conversione e i dibattiti giornalistici espongono le ragioni di questo impegno religioso. Il rinnegato non è alla sua prima conversione: già in Francia si era interessato all’occultismo di Allen Kardec, alla teosofia, ecc.

  

Jossot cessa ogni attività artistica sino al 1921 ma la sua ispirazione satirica si espande in saporite cronache condensate nei giornali socialisti e indipendentisti tunisini. Nel 1923, segue una iniziazione al sufismo presso lo sceicco Ahmad al'Alawipubblica un opuscolo intitolato Le Sentier de Allah (Il Sentiero di Allah) in cui racconta questa esperienza. La sua esaltazione cade sin dal 1927: l’artista riprende i suoi indumenti europei e non considera più lo sceicco come suo maestro.

  

Alcuni anni più tardi, pubblicò un opuscolo intitolato Le Foetus récalcitrant (Il Feto recalcitrante). Oltre a diverse esposizioni individuali (1928, 1941, 1942), espone ancora le sue tele al Salon Tunisino (1924, 1925, 1928), al Salon des Artiste Tunisiens (1929, 1931-1933), a l’Essor (Digione, 1928) e alle Expositions Artistiques de l’Afrique Française (1935, 1947). Le svalutazioni successive alle due guerre mondiali erosero l’indipendenza che gli aveva assicurato una bella eredità e Jossot si ritrova costretto a vendere di nuovo il suo talento, soprattutto alla rivista anarchica Maintenant. Vecchio di 81 anni e vedovo, termina la redazione delle sue memorie, Goutte a Goutte (Goccia dopo goccia), in cui intravvede “la fossa terminale” in un ateismo pronunciato. È sotterrato al “cimitero dei dimenticati”, a Sidi-bou- Saïd, il 7 aprile 1951.

 

Henri VILTARD

 

(1) Le Monde, 2 dicembre 2005, p. 25.

(2) Lettera a Jehan Rictus, s. d., [16-25 giugno 1904].

(3) JOSSOT (Gustave-Henri), Viande de « Borgeois », illustrato da Jossot, Paris, L. Michaud, pp. 18-19.

  


[A]







[B]

Da: "Le Rire", n°56, 1896.






Da: "L'Assiette au Beurre", N°18, 1 agosto 1901





 

Da: "L'Assiette au Beurre", n° 178, 24 agosto 1904






Da: "L'Assiette au Beurre", n° 150, 13 febbraio 1904
.





 

Da: "L'Assiette au Beurre", n° 59, 17 maggio 1902





[C]

Da: "La Butte", n°15, 1893





Da: L'Ymagier", n° 3, 1895
  
  
  
 
[Traduzione di Ario Libert]

 

Copyright © Henri Viltard, gennaio 2008.


Link al saggio tradotto dal sito di Henri Viltard:

Biografia di Jossot


Link al post dedicato a Jossot nel blog Caricatures et caricature:
JOSSOT


Link interni al presente blog ad opere tradotte di Jossot:
Felip Equy. Gustave Henri Jossot

Gustave-Henri Jossot, Il Credo
Gustave-Henri Jossot, Decorazioni

Gustave-Henri Jossot, Panurgismo

Gustave-Henri Jossot, La Doma

Gustave-Henri Jossot, Gli Ubriaconi 

Gustave-Henri Jossot, CRA

Gustave-Henri Jossot, Il Rispetto

Condividi post

Repost 0
Published by Ario Libert - in Satira libertaria
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : La Tradizione Libertaria
  • La Tradizione Libertaria
  • : Storia e documentazione di movimenti, figure e teorie critiche dell'esistente storico e sociale che con le loro azioni e le loro analisi della realtà storico-politica hanno contribuito a denunciare l'oppressione sociale sollevando il velo di ideologie giustificanti l'oppressione e tentato di aprirsi una strada verso una società autenticamente libera.
  • Contatti

Link