Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
8 settembre 2009 2 08 /09 /settembre /2009 21:28




Germaine Berton, onorata dai surrealisti



di Fabrice Magnone,


da: "Le Libertaire (1917-1956), Autopsia di un organo anarchico".

 

 


Solito libro interessante ancora inedito in Italia.

Il 22 gennaio 1923, l'anarchica Germaine Berton aveva sparato su marius Plateau, tesoriere della Ligue d'Action Française. Il suo gesto, celebrato dai surrealisti [1], aveva egualmente fatto una molto viva impressione sul giovane Philippe Daudet, figlio dello scrittore filo monarchico Léon Daudet. Egli prese contatto con la redazione del Libertaire senza rivelare la sua vera identità. Gli anarchici non hanno in effetti l'abitudine di richiedere i documenti a coloro che vengono verso di loro soprattutto quando si tratta di giovani esaltati che minacciano di passare ai fatti. Philippe Daudet, che allora aveva quattordici anni ma che sembrava dimostrarne di più, avrebbe in effetti confiessato dei progetti di attentati all'amministratore del Libertario Georges Vidal.


Il giovane appena fuggito di casa va a far visita il 24 novembre 1923 a Le Flaouter, un libraio anarchico di Havre che serve da informatore alla polizia. Allarmato dalle dichiarazioni infiammate di Philippe, si sbriga ad allertare i servizi della Sicurezza Generale che inviano una decina di agenti per arrestarlo. Suicidio o eccesso poliziesco, si constata la morte di Philippe Daudet nel taxi incaricato di condurlo al commissariato. Apprendendo la notizia, gli animatori del Libertaire che si trovavano in possesso di una lettera del giovane Philippe a sua madre scelsero di pubblicarla. Approfittando dell'occasione per effettuare una tiratura di 30 mila copie.


La sua morte in condizioni mal chiarite fece credere a Léon Daudet che suo figlio era vittima di un complotto anarco-repubblicano. Mentre l'Action Française denuncia "L'Antifrancia, ausiliare della sanguinaria anarchia", il primo numero del Libertaire quotidiano titola: "La spiegazione del suicidio: Philippe Daudet voleva uccidere suo padre!" [2]. Un processo viene intentato tra l'Action Française e Le Libertaire che approfitta di questa pubblicità insperata. La tiratura del terzo numero raggiunge infatti le 54 mila copie".


L'articolo di Vidal, "La tragica morte di Philippe Daudet", apparso in Le Libertaire del 2 dicembre 1923, suscita una lettera collettiva di undici surrealisti, che scrivono: "Non facciamo parte del vostro ambiente, il che non ci impedisce di ammirare il coraggio di cui fate prova. Siamo con tutto il cuore con Germaine Berton e Philippe Daudet; sapiamo dare il giusto valore ad ogni atto di rivolta" [3].


Germaine Berton compie un tentativo di suicidio: scrive alla madre di Philippe Daudet: "Se Philippe è morto per causa mia, oggi mi uccido per lui" [4].


Aragon, che ha probabilmente celebrato con degli anarchici la la liberazione di Germaine Breton, li fustiga ormai perché giudica che essi non apprezzano un suicidio che non serve  la loro causa. E aggiunge: "Non mi lasciano nient'altro da fare che a prosternarmi di fronte a questa donna ammirevole in tutto che è la più grandesfida che io conosca alla schiavitù, la più bella protesta inalzata di fronte al mondo contro una menzogna orribile della felicità" [5]. Di fatto, i surrealisti celebreranno Germaine Berton come la prima anti-eroina surrealista, quella che per Breton incarna "la Rivoluzione e l'amore" [6].


I membri del gruppo surrealista intorno a Germaine Berton, da: La Revolution Surrealiste, n°1, dicembre 1924.


[Traduzione di Ario Libert]


NOTE

[1]
La Révolution surréaliste, n°1, dicembre 1924.

[2]
  Le Libertaire, n°254, 4 dicembre 1923.

[3]
Lettera apparsa in Le Libertaire.

[4]
Jean Maitron, Dictionnaire biographique, voce: "Germaine Berton".

[5]
"Germaine Berton", La Révolution surréaliste No. 1 (1° dicembre 1924).

[6] I membri del gruppo surrealista intorno a Germaine Berton, La Révolution surréaliste, n° 1, dicembre 1924.



LINK al post originale:

Germaine Berton, honorée par les surréalistes

 

 


Condividi post

Repost 0
Published by Ario Libert - in Profili libertari
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : La Tradizione Libertaria
  • La Tradizione Libertaria
  • : Storia e documentazione di movimenti, figure e teorie critiche dell'esistente storico e sociale che con le loro azioni e le loro analisi della realtà storico-politica hanno contribuito a denunciare l'oppressione sociale sollevando il velo di ideologie giustificanti l'oppressione e tentato di aprirsi una strada verso una società autenticamente libera.
  • Contatti

Link